emozioni secondo Damasio, una teoria rivoluzionaria

Provare emozioni di fronti a determinate situazioni è inevitabile e insito della nostra natura. Ma queste emozioni cosa sono? Devono essere controllate dalla ragione? Come vanno giudicate?

Secondo Antonio Damasio nel libro Descartes’ Error, ci sono le “emozioni primarie” che sono presenti fin dalla nascita a quindi universali. Ho fame, mangio, preservo il mio corpo. Scotta, tolgo la mano, preservo le mie cellule.

Poi vi sono le “emozioni secondarie”, che, innescate dalla corteccia prefrontale (il modo non è ancora chiaro), si pensano siano frutto dell’esperienza e quindi singolari. Damasio analizza una serie di pazienti che hanno perso quella parte del cervello per vari incidenti e nota che se, in prima istanza sembrano delle persone normalissime, e anche ad un’ulteriore analisi, hanno invece difficoltà a tenere strette amicizie, lavoro, quindi grosse difficoltà di adattamento.

Ad esempio uno di questi pazienti, sottoposto a diversi test di intelligenza, ha risposto come un individuo normale, ma trovatosi di fronte a scegliere tra due date per fissare un appuntamento si è trovato a ragionare per mezz’ora su pro e contro. Quando un individuo sano avrebbe scelto anche secondo istinto evitando così inutile perdite di tempo.

E questo “istinto” guadagnato, che si esprime tramite le “emozioni secondarie”, non è altro che una serie di configurazioni e di connessioni che si sono sviluppate con il tempo. Gli effetti di questo istinto sono provati, tanto è vero che vengono persino inseriti in contesti completamente diversi, come nelle categorie tra i metodi decisionale nelle teorie aziendali di Mintzberg e Westley, come ricordo di aver affrontato durante i miei studi universitari.

Le emozioni sono un elemento fondamentale nel processo decisionale guidato dalla ragione, al contrario chi non ha emozioni può arrivare a fare le scelte più irrazionali. Damasio vede quindi il corpo come l’estensione della mente, e non come due entità separate. Questa assunzione, molto convincente e ben argomentata, porta a rivalutare molte delle teorie dei più grandi filosofi, tra cui Kant di cui vorrei parlare in un altro post, e naturalmente Descartes.

E ora veniamo a noi, “emozione” significa portare verso l’esterno, ma sarà ben noto anche a voi, miei cari amici, che un emozione può essere in parte controllata, soprattutto nella sua manifestazione. Ora pensate a una persona che è disgustata dagli omosessuali, non si può biasimare questa emozione. Mentre invece si può tranquillamente criticare un’azione dettata da quell’emozione, o il fatto di non aver capito che sia naturale.

Basandosi su questa teoria, dispiacersi per i morti degli attentati terroristici degli ultimi giorni, ad esempio, e manifestarlo di conseguenza con post, discorsi, etc., oppure non essere mossi per niente e non fare nulla sono due comportamenti agli opposti, ma entrambi altrettanto plausibili. Anche dal punto di vista del risultato: “essere dispiaciuti” può fare qualche bene? “Sperare” può cambiare di una virgola questo mondo?

Ora mettiamo che un vostro caro stia male. Qui ancora una volta un’emozione, ad esempio essere preoccupati, ci dica che qualcosa va cambiato. Tutti sono bravi a piangere, a dimostrarsi preoccupati, a sperare in un miglioramento. Ma è chi su l’onda di quell’emozione riesce a cambiare le priorità e fare qualcosa di concreto per l’altro, chi riesce a dimostrarsi sereno, e chi soprattutto riesce ad ascoltare il desiderio del prossimo (che non va dimenticato è chi soffre di più) a fare la differenza.

Perdonate la fretta e l’incompletezza con cui ho trattato questi argomenti, ci sarebbe bisogno di uno spazio molto più lungo e anche di una ricerca molto più approfondita. Inoltre ho portato l’argomento a figure o fatti mi riguardano da vicino. Dovrebbe essere comunque uno spunto per farvi riflettere, prometto che approfondirò.

51RDFACRXJL

Immagine: http://www.amazon.com/Descartes-Error-Emotion-Reason-Human/dp/014303622X
piccola dedica ad una mia amica che mi ha presentato questo testo regalandomi una importante chiave di lettura