La direzione giusta

Arrivare a trovare il posto di lavoro che cercavo in Giappone, è stato il mio più grande exploit. E a parte ciò che c’è di guadagnato e perso, è stata una radicale lezione di vita: anche se si pensa fuori dagli schemi, ogni cosa è possibile se si ha un buon supporto e una grande passione.

E quando si ha coronato un grande obiettivo cosa fare? Se ne riscopre un’altro? Se sì, c’è un periodo di incubazione? Oppure è solo ispirazione fulminea?

Per qualcuno potrebbe essere sufficiente raggiungere una grande meta. Ma per me, non funziona così. Un odioso meccanismo prende il sopravvento e mi costringere a ridimensionare ogni successo e a ripensare la mia vita da capo, despota dall’occhio severo attraverso il quale giudico la mia persona.

E se dovessi rimanere fermo rischierei di perdere ogni giorno qualcosa: si dimentica un pezzo di sè stessi, una nozione, o una buona abitudine. Mentre invece, per controbilanciare questa perdita, è necessario muoversi nella direzione dove si può crescere in esperienza, conoscenza, personalità. Inseguiti da una profonda voragine che risucchia gran parte di quello che si ha costruito.

Ed ecco che entra in gioco il lavoro che occupa la maggior parte del tempo di un individuo, è come un forte flusso che decide al posto nostro dove trovarsi, quando, per quanto a lungo.

E può capitare di trovarsi ad “ammazzare il tempo” perché si è limitati da alcuni vincoli esterni, e ci si ritrova curando slide, oppure allungando dei lavori per cui si potrebbe impiegare meno, insomma facendo delle cose che non credo siano nella direzione di cui parlavo.

E questa cosa mi ha fatto paura. Fossero solo dieci minuti, non è forse tempo perso? Quante cose potete perdere in dieci minuti? Una telefonata con un caro amico, un bacio lungo un’infinità, o un post scritto in tempo record.

E allora dal momento che quei dieci minuti sono retribuiti, ogni cosa va bene? E se dovessero diventare un’ora? O cinque ore a settimana?

E se quella voragine finisse per raggiungerti? è da lì che inizia il decadimento.

E mi sono sentito come un tonfo nel cuore, il tempo che si ferma e poi silenzio. E ho avvertito quella presenza..

è stato lo shinkansen a spezzare il silenzio.

 

vector_signboard_by_tariqelamine

Miei cari amici, spero di non avervi spaventato. Andate anche voi di fretta? Oppure siete convinti che basti camminare per la strada giusta. Avete presente qual è per voi la direzione giusta?

IMMAGINE: http://tariqelamine.deviantart.com/art/Vector-SignBoard-91851898

Il Limbo del dormitorio

Dopo tanti anni passati a viaggiare per il mondo e da casa, posso dire con certezza che il viaggio è uno dei promotori più forti di emozioni, esperienze e quindi ricordi. Essere in uno “stato di viaggio” nella propria vita, significa uscire dalla propria zona di confort, per andare a caccia di emozioni.

E cosa siamo noi essere umani se non dei cacciatori di emozioni?

Per questo ho sempre ricercato lo “stato di viaggio” nella mia vita, e ho sempre avuto un senso di insofferenza per le cose che mi portavano all’estrema routine.

Il viaggio può essere un mare un pò torbido, ma tiepido, un hotel con una finestra che guarda sul tetto di un edificio, un ostello pieno di giovani che fanno baccano.

Ma seguito dal viaggio, c’è la permanenza provvisoria più o meno lunga. E con la permanenza arriva spesso il dormitorio/casa condivisa.

Ci sono dei fattori comuni per queste abitazioni: spesso si sono viste solo in foto, si trovano per le più vicino a scuole, hanno un sacco di regole in più. A differenza di ostelli e hotel, sono quasi completamente spogli. E si potrebbe dire che l’entrata è il rito che segna l’inizio di un’avventura importante.

Una signora di mezza età o la ragazza del lavoro part time sono i tuoi Virgilio che ti guidano all’iniziazione.

Si arriva spesso affannati, colmi di speranze e attese, pieni di pensieri per la testa.

E poi questo buco spoglio da non crederci.

Una scrivania, una sedia, un materasso. Una finestra.

“ok…”

Non c’è neanche il lusso di parlare di aspettative, il flusso dei pensieri è smorzato come fuoco sotto una cascata fredda.

“E adesso?…” Ritornato l’istinto di sopravvivenza, la prima attenzione va agli appendini. Che naturalmente non ci sono.

“Azz, lo sapevo che dovevo portarli” segue un istante di pentimento.

“Benvenuto nel Limbo” dice Virgilio prima di sbattere la porta.

E’ sì perché si è a due passi dal Paradiso, ma è un attimo a precipitare nell’Inferno.

Perché non si è in viaggio, ma è come se si stesse viaggiando. Ce la si può prendere un pò più con comodo, ma guai ad abbassare la guardia. L’essere spogli dà l’impressione di essere proprietari di una piccola casa, anche se è solo un’illusione provvisoria. Si è circondati da un sacco di omini, che però potrebbero non avere niente da condividere.

E con i quali invece c’è da condividere spesso un bagno, una cucina, una lavatrice. Costretti a vivere affianco ad altri essere umani, ma che per bilanciare questo fattore il più delle volte si atteggiano a sconosciuti.

Posso dire con certezza, che ognuno di quei luoghi è stata la base per esplorare mondi a me nuovi e sconosciuti.

Potrei descrivere in dettaglio una per una la vista dalla finestra di quei luoghi.

Dolci amari ricordi, di luoghi da cui non mi sono mai pentito di allontanarmi.

 

dormitory_by_rahmatozz-d6eqhc0

FONTI:

immagine: http://rahmatozz.deviantart.com/art/Dormitory-387547200

importanti cambiamenti

E’ trascorso più di un mese da quando non torno qui. E’ stato più di un mese pieno di avvenimenti che hanno portato a grossi cambiamenti.

Sono passato dall’essere studente in una grossa città all’essere un impiegato in un posto relativamente sperduto. Da un certo punto di vista, ho rispettato le promesse che avevo fatto a voi, miei cari amici, e a me stesso.

Eppure sta a pochi articoli di distanza la storia che vi raccontai sui fiori di ciliegio, eppure un’altro anno è volato.

E questi sakura sono stati molto diversi, un poco più solitari, fugaci, per di più sbocciati con una pessima tempistica. Quando ho tentato di scovarli, bramandoli, non c’erano; quando poi mi sono presentato di corsa, col fiatone, erano già andati. Come se tutto fosse accaduto in un battito d’ali, e mi sono sentito ignaro ed impotente. Ed estremamente triste.

Perché anche una persona a cui avevo dato appuntamento, come sakura se ne è andata. Un persona che mi accolto come un figlio donandomi un amore inestimabile, costante, impeccabile. E non lo dico perché è la mia nonna, o perché non c’è più. Ma perché non ho mai avuto un ombra di dubbio al riguardo.

Alla fine ho scelto di allontanarmi, ma dal momento che sono arrivato in Giappone, è sempre stata il mio più grande rimorso.

Da una parte sono contento che sia andata così. D’altra parte mi sento come se una grossa parte di me se ne sia andata con lei: un grande vuoto che solo il tempo può alleviare, ma che nessuno potrà mai colmare.

Come sakura se ne è andata la più accanita lettrice di questo blog. Quante volte hai ascoltato le mie parole, quante volte sei passata qui. Questa storia è dedicata a te, mia cara nonnina.

 

IMG_20130817_223412

 

 

 

 

casa e 初心 tra Italia e Giappone

Non mi è mai piaciuto chiamare “casa” nessun luogo.

Vedete, miei cari amici, chiamare un posto “casa” ha, oltre ad alcuni vantaggi, un buon numero di svantaggi. E’ più difficile cambiare casa ed essere liberi di muoversi come il vento, più semplice invece fare di un posto propria dimora provvisoria, ma nel contempo essere pronti a partire. Ad esempio, perché chiamare “casa” l’Italia? Solo perché qualcuno ha deciso per me che nascessi in quel Paese? Perché invece chiamare “casa” il Giappone? Dove sta scritto che un giorno non me ne andrò.

Tuttavia ho scelto il Giappone fin dal primo momento, partito con speranze tante e belle, ma pur sempre solo speranze. E mi sono emozionato per modi di pensare, abitudini, cibo, ospitalità, lingua, il mercato, la stazione, la lingua.. Alcune aspettative sono state superate da realtà, alcune speranze sono diventate realtà, altre speranze sono state perse.

E così facendo si va inevitabilmente a dimenticare lo spirito originario con cui si affrontavano le cose, perché ci si mette l’esperienza a smorzare alcune emozioni, il tempo a scoprire i lati oscuri, la routine a rovinare la novità.

In questo caso ritornare in patria mi ha fatto davvero bene. E non è stato solo per vedere i parenti, mangiare il cibo nostrano e farsi un pò coccolare. Ma da una parte per capire quanto mi manca chi è lontano 10000km. E soprattutto per capire quanto il Giappone sia il posto dove rimarrò a lungo, dove mi sento più adeguato, dove ho riposto tutti i miei sogni fin dall’inzio.

In Giapponese c’è una parola che esprime questo sentimento: (初心 shoshin) che è composto da due kanji che significano “iniziare una cosa per la prima volta” (perché c’è anche un altro kanji che sta per “iniziare una cosa che si ha già fatto in precedenza”) e “cuore”. Con questa parola si intende ritornare al proprio sentimento originario di quando si era principianti, aperti a mille possibilità, desiderosi di apprendere, pieni di speranze.

Lo si può fare magari ascoltando quella canzone del primo viaggio, ritornando a quel paesaggio di vecchia conoscenza, annusando quel profumo dei fiori di pesco. Ma lo si può fare anche prendendosi una pausa, per poi ritornare.

Bene miei cari amici, mi auguro che possiate trovare il vostro shoshin. E’ molto prezioso e potrebbe aiutarvi nel vostro percorso.

nfYx4Hsn1UK36hJ_13013_53

IMMAGINE http://blog.esuteru.com/archives/8027385.html
Il kuro neko (letteralmente “gatto nero”) è un’azienda di trasporti che fa parte di uno dei primi ricordi che conservo di Osaka dove sono atterrato per la prima volta in Giappone. Le ragazze sono state molte gentili a darmi indicazioni, anche se non sapevo quasi niente della lingua.

natale 3

Parte 1

Parte 2

Niente era più come prima.

L’avanzamento a della tecnologia aveva cambiato ogni cosa. Nel 2662 una trivella delle dimensioni di un transatlantico aveva scavato troppo a fondo nel mantello fino a provocare danni irreversibili al pianeta Terra. Una serie incontrollabile di esplosioni aveva quindi spinto i superstiti della razza umana ad evacuare cercando sopravvivenza altrove.

Le colonie in costruzione su Marte erano state sfruttate prima del previsto: enormi scudi erano stati innalzati per riflettere radiazioni solari e intere città erano state unite da corridoi che correvano per centinaia di chilometri lungo il pianeta. Mentre dall’esterno tempeste di vento si scagliavano con enorme violenza sulle strutture degli umani, le doppie porte a tenuta stagna avevano permesso di isolare un ecosistema sostenibile.

Ma quello scenario che molto tempo addietro aveva suscitato fascino nella razza umana, ora era accompagnato solo da rabbia e sgomento. Perché Marte con la sua natura ostile, aveva portato prevalentemente desolazione in un popolo dove la tecnologia non era bastata a guarire la profonda ferita causata dal disastro del ’62. Egoismo, guerra tra fazioni, ricerca di potere e denaro guidavano ancora le decisioni del genere umano.

Tuttavia lo stile di vita era cambiato radicalmente; si era persa in gran parte la capacità di esprimere sentimenti da quando ogni tipo di interazione era diventata possibile tramite l’uso di dispositivi microtecnologici, smesso di cucinare da quando le stampanti laser avevano permesso la creazione di cibi sintentici con elementi nutritivi pari agli originali. Inoltre l’istologia aveva rallentato sensibilmente l’invecchiamento delle cellule facendo l’uomo ancora più simile a macchina; alla ricerca costante di ottimizzare il consumo di tempo, auto programmato a portare a termine i propri compiti tanto da dimenticare il resto.

E perfino l’amore era diventato solo un freddo passatempo da quando la riproduzione del genere umano era stata affidata ad un unico supercomputer centrale, chiamato Eva. Gli orfani crescevano in centri dove venivano addestrati all’uso della tecnologia e sottoposti al puro nozionismo. La crescita dei bambini era diventata proporzionale all’assenza di vitalità, in quello che si era rivelato essere un tentativo fallito per tentare di portare ordine in un Mondo governato dal caos e dalla sfortuna, sfuggito dal controllo dell’essere umano.

Nonostante questo c’era ancora chi ricercava nei valori del passato la chiave per il futuro, come numero 4742 o come si faceva chiamare, Tairin. Sebbene prodotto di Eva, anche lei cresciuta senza famiglia, aveva invece qualcosa di speciale. E non era la catenella che culminava con una sfera di un colore turchese vivace, la coda legata da un nastro rosso scendeva fino ad accarezzare i fianchi perfetti, né la lunga gonna che lasciava un breve spazio scoperto prima di arrivare a due stivaletti molto semplici. Ma quei due intensi occhi di colore azzurro che ricordavano la purezza del mare più limpido, la calma della neve soffice, capaci di penetrare ogni barriera e raggiungere il cuore di ogni individuo.

Ed era una giornata come le altre quando entrò in uno di quei negozi che trattavano antiquariato, oggetti provenienti da un mondo i cui frammenti vivevano solo nelle parole e nei ricordi di alcuni. L’atmosfera ricordava un salotto di una vecchia casa terrestre; uno stravagante lampadario di cristallo pendeva dal centro della stanza, poltrone di tessuto color porpora erano accostate a tappeti tessuti a mano. Tairin conosceva bene quegli oggetti; uno di quei vecchi cellulari a conchiglia, una radio a valvole che recitava “clipper”, una serie di utensili per cucinare. Ma tra tutti, un oggetto in particolare catturò la sua attenzione: una graziosa scatoletta intarsiata, ricavata probabilmente da un albero terrestre, con un’iniziale incisa sul fronte “R”. Un lucchetto sembrava posto quasi a voler proteggere qualcosa di prezioso.

Tairin studiò per qualche minuto il bauletto. Avrebbe potuto essere anche vuota visto il peso quasi inesistente, il contenuto perso durante tutti questi anni di viaggio; non le rimase che chiedere spiegazioni. Dopo la conferma della presenza del contenuto, non restava che l’acquisto per ottenere la chiave e Tairin non esitò neanche un secondo ad impossessarsene. Sulla via del ritorno fantasticò su cosa avrebbe trovato all’interno, una foto in 2D di un paesaggio innevato, magari un braccialetto ereditato di generazione in generazione, oppure una gemma preziosa posseduta da un Re di altri tempi.

Rinchiusa al nella sua dimora, finalmente inserì la chiave nella toppa ed udì il suono tanto atteso “click”. Inebriata dal profumo del legno, attese qualche secondo prima di analizzare il contenuto. Una lettera! Il dolce rumore della carta che si piega, quella sensazione di fragile robustezza non tradirono le aspettative di Tairin. Sebbene gli anni avessero invecchiato la carta rendendola giallognola, le scritte ancora ben chiare recitavano così:

Caro Babbo Natale,

Scrivo queste due righe a te, Papà Natale.

Non so se sono stato bravo, ho fatto del mio meglio. Ho dato una mano a mio padre con il lavoro, sono riuscito a far sorridere Clara, sai, era da tanto che non sorrideva, a causa della sua malattia… Ah si, ho anche donato i miei guanti nuovi a un bambino che sembrava averne bisogno più di me… Ho una richiesta un po’ particolare, quest’anno. Prima devi sapere: sono due anni che aspetto, nella speranza di rivivere il Natale, sentire la sua atmosfera appieno: oramai non e’ più lo stesso… Non vedo più la magia. Non vedo la magia dell’albero di Natale, non mi sveglio più la notte sperando di riuscirti a vedere, non fremo la mattina, quando dovrei correre verso l’albero per vedere cosa hai lasciato. Quello che vedo ora, e’ un sorriso un po’ incerto, un sorriso di quelli che hanno da nascondere qualcosa. E quel qualcosa e’ dolore, mancanza e nostalgia e lo leggo nelle facce dei miei parenti, lo sento io per primo… perdonami Babbo, ma per quanto mi sforzi, non riesco proprio a vivere il Natale come vorrei. Lui non c’è più e io non me ne faccio una ragione, le sue mani calde e grandi non mi accarezzano più la faccia, mi manca la sua allegria contagiosa e le sua presenza… Quindi veniamo alla mia richiesta. Ecco, vorrei che anche lui avesse un buon Natale, dovunque sia, quindi per favore, ti chiedo di portare questa medaglietta che ho comprato al negozio qui di fronte, direttamente a lui, al mio caro nonno. C’è disegnato sopra un Alpino, sono sicuro che gli sarebbe piaciuta.

Ti voglio bene,

R.

Quale incredibile testimonianza aveva incrociato il uso percorso, rimase a chiedersi Tairin. E ancora faticava a comprendere, perché non conosceva il significato di “Famiglia”, né tanto meno di quel misterioso “Natale”, di cui aveva solo letto. Una seconda lettera seguiva alla prima. Tuttavia la calligrafia era quella di un adulto, la cui penna portava il fardello dell’esperienza, ma che da questa traeva la sua forza e così scriveva:

Caro R.

Da dove incominciare…  Probabilmente non mi conosci, ma io sì. Ho saputo della tua storia da tuo zio, sono passati otto Natali da allora. Sono convinto che le nostre storie siano legate, in fondo anche io ho perso mio nonno da giovane… Speravo di poterti incontrare per scambiare quattro chiacchiere, magari al Chocolate Bar di Green Square, so non c’è niente di meglio che sorseggiare una cioccolata calda al riparo dal vento di questa fredda stagione. Purtroppo le mie ricerche non mi hanno portato a te, ma spero almeno che queste parole possano in qualche modo raggiungerti.

Dunque, hai mai pensato al perché a Natale si ricorda i famigliari scomparsi? Eppure dovrebbe essere una ricorrenza che celebra la nascita come da tradizione. E non è forse il regalo un augurio che il dolore lasci spazio alla gioia, le luci sono un segno di speranza e di calore, non è quindi questa una contraddizione? 

Lascia che ti dica cosa penso: Famiglia e Natale sue due cose speciali. Il legame famigliare che lega i parenti fin dalla nascita spiana la strada all’amore assoluto, che non sempre accade ma è solito accadere. D’altro canto il Natale crea un’atmosfera mistica che accentua ogni emozione. E queste cambiano l’ambiente circostante facendo la differenza in sé stessi nel prossimo. Nel prossimo perché ci avvicina di un poco a chi non conosciamo, e ci fa cadere nelle braccia di chi è sempre stato vicino.. In sé stessi perché ci fa ritrovare le cose semplici con un rinnovato sguardo, ricordare i Natali passati, tornare ad essere bambino.

Ecco vedi, anche il tuo Natale ha cambiato i miei! Ho riflettuto sullo stesso dolore che ci accomuna.. e ho realizzato quanto fosse dolce soffrire.

Significa amare ancora chi ci ha amato. 

Ma il segreto è che non c’è bisogno di una Famiglia per provare l’amore più profondo, né di un Natale per esprimerlo. 

Un forte abbraccio,

A.

Tairin prese qualche minuto per riflettere. Prima che se ne potesse accorgere, una lacrima segnava la lettera.

Christmas_Ball_by_fotoman228

vivere fa ancora paura

Da un giorno all’altro è arrivato l’Autunno qui in Giappone, prima si è fatto sentire con un freddo inaspettato. Ma quello era solo un avvertimento, perché poi è arrivato il vero Autunno, quello che si respira tra i vicoli che trama di nascosto per prepare la strada all’Inverno.

Allora, come è l’Autunno per voi? Riuscite a percepirlo mentre camminate o è solo uno sconosciuto come tanti?

A volte mi sento sommerso da un asetticismo generale al quale rimango inerme e senza piani di riserva. Non saprei dire da quando è iniziato, ma direi qualche tempo prima del Giappone. Guardo la gente negli occhi, e talvolta mi sembra di leggere solo vuoto e etichette. Ci sono tante persone che hanno perso la speranza nel prossimo, nel fare qualcosa che piace, e che vanno avanti per inerzia*. E talvolta mi ritrovo a non poterli biasimare, senza fiducia nel prossimo, si può essere in grado di non tradirlo?

E sapete cosa mi fa più paura di vivere in un mondo fatto di gente così? Ancora più di essere solo? diventare una persona così. E purtroppo a volte ho la sensazione che questo mondo stia cercando di assorbirmi, come se avesse instillato un seme che cresce implacabile giorno per giorno.

A volte mi sembra di essere intrappolato dal tempo che sembra scorra sempre più velocemente, dall’idea che la mia strada sia già tutta dritta e decisa, che l’unica cosa da fare sia stare attento a non sterzare.

E anche ritrovando il tempo per fare delle cose trascurate, anche di fronte a successi, delle volte non riesco a emozionarmi.

E pure ancora sento quel peso che appensantisce gli occhi e tira giù le lacrime quando mi sento il mondo crollare addosso, quando mi sento impotente, quando mi sento tradito. Gioie e sofferenze, soddisfazioni e delusioni, divertimento e sacrifici, sono prova che non si esiste solo, ma si sta vivendo. Ma questa vitalità non è incandescente e vivace come un tempo, soltanto debole e fioca…

Da quando sono arrivato qui ho rivalutato molti dei miei sentimenti e delle mie abitudini. Ad esempio, noi etichettiamo un sentimento come buono o cattivo, e se cattivo dobbiamo fare di tutto per starne lontani. Ma finalmente ho capito che non sempre funziona così. I momenti di tristezza aiutano a riflettere e a crescere, saperli esprimere è una dote (come hanno molti artisti, fin dal passato come il decadentismo, e molte persone comuni); spesso significa che si ha creduto in una persona importante, e magari ci si è disillusi. Che anche trovata la risposta non era quello che ci si aspettava.

Essere sempre tristi è invece negativo, perché può portare alla distruzione. E dopo potrebbe essere difficile o impossibile tornare indietro.

Tuttavia sempre meglio di sentirsi vuoti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

NOTE:
* è ben lungi da me fare un’analisi sulla società Giapponese, nella quale entrano in gioco delle regole completamente diverse, ma mi riferisco a un generico essere umano
ho scritto un articolo simile a questo qui